Alberto Angela torna su Rai 1 HD con Noos – L’avventura della conoscenza

Noos Nuova StagioneDopo il successo degli speciali Meraviglie – Pompei, le nuove scoperte e Ulisse: Il piacere della scoperta – Lo sbarco in Normandia, Alberto Angela torna sugli schermi della Rai con una nuova edizione di Noos – L’avventura della conoscenza. La Rai rafforza così lo spazio dedicato alla cultura all’interno del proprio palinsesto.

Il programma nasce prendendo il testimone di Superquark, storica trasmissione condotta da Piero Angela. Nonostante Noos conservi molti dei suoi punti di forza, quali la qualità delle informazioni scientifiche e la chiarezza espositiva, si presenta con un format rinnovato e moderno, in grado di coinvolgere anche il pubblico più giovane.

La nuova stagione di Noos – L’avventura della conoscenza andrà in onda a partire da giovedì 27 giugno in prima serata su Rai 1 HD.

Come nasce Noos – L’avventura della conoscenza

Noos è il programma di divulgazione scientifica ideato e condotto da Alberto Angela. Un format innovativo che raccoglie l’importante testimone lasciato dallo storico Superquark, andato in onda per oltre 20 anni.

Dopo la scomparsa del padre, Alberto Angela ha sentito il dovere di proseguirne l’opera e di continuare ad accendere la curiosità del pubblico sui molteplici aspetti della natura e delle scienze. Per questo ha ideato per la Rai un programma completamente rinnovato, che non si limita a spiegare la realtà, ma invita a vivere in prima persona l’emozione della scoperta e della comprensione del mondo.

Noos nasce così nel 2023 per trattare, con taglio divulgativo ma anche affascinante, temi che spaziano dall’astrofisica alla biologia, dalla geologia all’archeologia. Un appuntamento imperdibile per tutti i telespettatori desiderosi di ampliare i propri orizzonti culturali.

Cosa significa Noos?

Il titolo Noos – L’avventura della conoscenza non è casuale. Ricorda il nome dell’astronave presente nella fortunata serie di documentari di divulgazione scientifica Viaggio nel cosmo del 1998, condotta da Piero e Alberto Angela su Rai 1. In quell’occasione i due divulgatori, a bordo dell’immaginaria navicella Noos, accompagnavano i telespettatori in un emozionante tour nello spazio e nell’universo, alla scoperta dei misteri che lo avvolgono.

Il termine “noos”, dal greco antico, significa infatti “intelletto“. E fu proprio la potenza della conoscenza e della razionalità a permettere, in quel programma, di esplorare territori sconosciuti. Vent’anni dopo Alberto Angela ha voluto rendere omaggio a quell’esperienza titolando il nuovo format con lo stesso nome.

Come si pronuncia Noos? La parola si legge così come viene scritta, allungando le ‘o’ al centro del nome.

Le rubriche di Noos – L’avventura della conoscenza

All’interno di ogni puntata troveranno spazio varie rubriche dedicate all’approfondimento di diversi ambiti legati alla divulgazione scientifica. Si potrà viaggiare nello spazio con l’astronauta Samantha Cristoforetti, per conoscere più da vicino le ultime conquiste e le future sfide della ricerca aerospaziale. Grande attenzione verrà riservata anche alla natura e alla biodiversità, mostrando le meraviglie del nostro pianeta attraverso immagini spettacolari.

Non mancheranno aggiornamenti sulle più recenti scoperte nel campo della medicina e delle nuove tecnologie, oltre alle ultime novità nell’ambito dell’archeologia e delle civiltà antiche. A queste sezioni consolidate, si affiancheranno nuovi inserti tematici e nuovi volti che si uniranno alla squadra per esplorare sempre più da vicino i vari ambiti della conoscenza.

Noos 2024, alcune anticipazioni

Anche per questa stagione, Noos si prepara ad accompagnarci in una straordinaria avventura alla scoperta dei segreti della natura e dell’universo. Alberto Angela svela che numerosi saranno i giovani divulgatori che, affiancandolo, guideranno gli spettatori in appassionanti esplorazioni del sapere con esperimenti chimici e fisici, pensati per rendere comprensibili anche i concetti più ostici.

Oltre agli approfondimenti sullo spazio, verranno mostrate anche incredibili immagini della Scogliera Cosmica. Ma verrà trattato anche il rapporto tra scienza e fantascienza, con analisi su come i due ambiti, pur differendo per metodo, continuino a influenzarsi vicendevolmente nell’aiutarci a svelare i misteri del cosmo.

Da dove è tratta la sigla di Noos

La sigla di Noos è un estratto del brano Crossing The Bridge del compositore statunitense James Newton Howard. La scelta del pezzo, usato come colonna sonora nel film Blood Diamond (tra l’altro andato in onda tempo fa nel ciclo Once Upon a Time di Iris), ben si presta al tono della trasmissione.

Noos: quante puntate sono? 

Torna l’atteso appuntamento con la divulgazione scientifica. Dal 27 giugno prenderà il via la nuova edizione di Noos – L’avventura della conoscenza, il format condotto da Alberto Angela che per 7 prime serate accompagnerà il pubblico in un’appassionante esplorazione del sapere.

Ciascuna puntata, in onda ogni giovedì alle 21.25 su Rai 1 HD, vedrà il noto divulgatore esplorare affascinanti tematiche legate alla natura, all’universo e alle conquiste dell’uomo.

Continua a seguire tivù la guida per scoprire tutte le novità della televisione italiana: le migliori serie tv, i film e i programmi di intrattenimento.

Scegli tivùsat sempre, gratis, per garantirti un’ottima qualità di visione audio e video in 4K e HD.

Foto di: Barbara Ledda per gentile concessione Comunicazione Press & media office – Ufficio Stampa Rai.

Previous Image
Next Image

info heading

info content